Fondazione

27 maggio: La presentazione del libro di Giacomo Mazzariol presso Feltrinelli a Verona

04 maggio 2016

In data 27 maggio 2016 a partire dalle ore 18:00 presso Feltrinelli a Verona - dopo il successo su YouTube nel 2015 del corto “The simple interwiew” che ha commosso migliaia di utenti diventando un fenomeno virale, Giacomo Mazzariol presenta il suo libro intitolato "Mio fratello rincorre i dinosauri" - che racconta la sua esperienza di fratello maggiore con un fratellino, Giovanni, che ha un cromosoma in più. All'evento parteciperemo anche noi, invitati come realtà particolarmente attiva sul territorio veronese.

Per noi parleranno:

Luisa Spiniella - che presenterà Fondazione Più di un Sogno Onlus
Marco Ottocento - che presenterà Cooperativa Sociale "Vale un Sogno" Onlus e Valemour
Andrea Andreoli - che presenterà l'Associazione di Volontariato "Più di Uno"

Giacomo Mazzariol è un ragazzo che gode già di una discreta notorietà grazie alla sua capacità di farsi apprezzare da diversi programmi televisivi per la sua innata capacità di comunicare e di padroneggiare strumenti digitali di ultima generazione.
Insieme al fratellino Giovanni si sono dimostrati due mattatori di followers, capaci di intrattenere e informare riguardo al tema della sindrome di Down con simpatici video caricati amatorialmente su You Tube ma capaci di catturare l'attenzione dei media nazionali, fino alla notizia di poche ore fa che annuncia il loro primo film che verrà realizzato grazie alla TAODUE di Pietro Valsecchi.

A questo link potete approfondire la poliedricità di Giacomo Mazzariol proprio sul suo canale You Tube.

Il libro, piacevole da leggere e interessante grazie all'esperienza diretta di Giacomo, lo potete trovare nei punti vendita della Feltrinelli e anche online sull'ecommerce delle librerie.

L'incontro si terrà alla Feltrinelli di via Quattro Spade, 2 a Verona.

Un piccolo estratto dal libro:

"Mi chiamo Giacomo, ho diciannove anni. Vivo in una cittadina del Veneto con i miei genitori, le mie sorelle Chiara e Alice e mio fratello Giovanni. Io sono il secondogenito, Giovanni è il più piccolo; ci togliamo sei anni. Ci sono alcune cose che dovete sapere, di Giovanni. Lui è uno che, se va a prendere il gelato e gli chiedono: "Cono o coppetta?", risponde: "Cono!", e se io gli faccio notare che poi il cono non lo mangia dice: "Be', neanche la coppetta la mangio!" Giovanni è uno che paga, prende il resto e lo butta via con lo scontrino. È uno che ruba il cappello a un barbone e scappa. Che ama i dinosauri e il rosso. Che va al cinema con una compagna di classe, torna a casa e annuncia che si è sposato. Che balla in mezzo alla piazza, da solo, al suono della musica di un artista di strada, e uno dopo l'altro i passanti cominciano a imitarlo: Giovanni è uno che fa ballare le piazze. Per lui il tempo è sempre 20 minuti: se uno va in vacanza per un mese, è stato via solo 20 minuti. Ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle, e se è inverno e non ne trova, porta loro foglie secche. Giovanni sa essere estenuante, logorante. Giovanni ha tredici anni e un sorriso più grande dei suoi occhiali. È molto meno bravo di me in matematica, però è più simpatico. Giovanni ha un cromosoma in più".